Baby Beauty Care, Shopping Guide

COME ORGANIZZARE LA ZONA CAMBIO

Pubblicato:29 Ago 2021

COME ORGANIZZARE LA  ZONA CAMBIO

Ebbene sì, inizio questo post con uno pseudo errore pratico che ho fatto diverso tempo fa quando stavo progettando la nursery più pinterestiana di sempre!
Nella progettazione avevo deciso che tutto il mondo baby sarebbe stato relegato alla Nursery, quindi ho previsto all’interno della nursery una zona cambio con tanto di fasciatoio stupendo fatto su misura. Nonostante non mi penta di questa scelta, come alcune amiche già madri mi avevano fatto notare durante le innumerevoli domande che facevo, alla fine avevano (in parte) ragione loro. Adesso vi spiego…

Durante la progettazione della nursery (che vi svelerò pian pianino nei prossimi post), ho immaginato di poter occuparmi della mia bimba in tutto e per tutto in quella camera della casa. Per questo motivo ho previsto il progetto con la creazione di un fasciatoio fatto su misura e con un meccanismo a scorrimento e incastro sulla cassettiera.
Il pro di questa scelta è che sicuramente questo mi permette di cambiare la bimba agevolmente dall’inizio alla fine quindi da un banale cambio pannolino al cambio proprio di abiti.
Il contro invece è che il “banale cambio pannolino” di cui parlavo poco fa, in realtà è vincolato necessariamente all’utilizzo di una salviettina già umida (come le ottime Salviettine all’Acqua che puoi trovare QUI e di cui ti ho già parlato nel post sugli Essentials del Cambio).

ATTENZIONE!

Nel caso di un cambio pannolino imponente (per essere elegante, ovvero non solo pipì!), questo complica ulteriormente le cose e a mio avviso è sempre più comodo avere un lavandino a disposizione per una pulizia migliore. Per cui a meno che voi non abbiate la possibilità di creare un sistema per avere un lavandino in Nursery, una postazione cambio anche in bagno va sempre prevista.
In tal proposito quindi, mi era stato consigliato di munirmi del Fasciatoio Pieghevole (lo trovate QUI) perfetto perché non solo si piega, ma potete sistemarlo agevolmente sopra il bidet quindi efficiente parecchio lo spazio all’interno di un bagno piccolo e in più dispone anche della vaschetta per il bagnetto. Mi era stato consigliato di tenere da parte il fasciatoio e aprirlo all’occorrenza in bagno. Dal mio punto di vista però diventa un’operazione molto complessa, per cui condivido con voi l’organizzazione che funziona per me e che potrebbe esservi di ispirazione in tutto o in parte.

In casa ho quindi 2 postazioni cambio alle quali ho relegato funzioni ben distinte e ben definite e quindi sono organizzate in modo diverso.

ZONA CAMBIO IN NURSERY

La zona cambio nella nursery si compone di pochi elementi ma funzionali. L’utilizzo di questa zona cambio è principalmente utilizzata per i cambi d’abito più che per la pulizia vera e propria. Infatti troverete negli essentials qui di seguito le salviettine, proprio perché non essendoci acqua corrente diventerebbe complicato gestire il tutto.

pic Pinterest Pottery Barn Kids
  1. Sulla cassettiera in legno che ho progettato, ho progettato anche un fasciatoio da inserire a incastro e scorrimento sulla cassettiera. In questo modo, quando il fasciatoio non sarà più necessario, potrò metterlo via con facilità e potrò sfruttare la cassettiera in base alle nuove necessità della bimba. Io ho progettato interamente la cassettiera e il fasciatoio, ma in commercio ci sono tanti fasciatoi che possono adattarsi alle cassettiere IKEA, che sono tra le più acquistate per le Nursery, come per esempio questo adattabile alla cassettiera Hemnes che trovate QUI o questo adattabile alla cassettiera Malm che trovate QUI.
  2. Accanto al fasciatoio ho previsto dei contenitori carini, simili a quello grigio lavorato che trovate qui sopra nell’immagine di ispirazione. Vi segnalo 2 opzioni carine: dei contenitori in corda molto carini che trovate QUI, dei contenitori simil ceste che trovate QUI. La scelta dipenderà molto dallo stile della Nursery e le dimensioni.
  3. All’interno dei contenitori ho previsto: pannolini, salviettine (ultimamente sto provando quelle della Chicco, che non sono niente male, trovate uno stock interessante QUI), pasta Mustela per il cambio in caso di arrossamenti e le forbicine per i neonati (io uso queste, le trovate QUI).
  4. Come dicevo prima, questa zona cambio è principalmente destinata al ‘cambio d’abito’, e in questo è funzionale il fatto che il fasciatoio sia collocato esattamente sopra la cassettiera, all’interno della quale posso trovare nel primo cassetto già tutti i body e abitini.

SHOPPING GUIDE

ZONA CAMBIO IN BAGNO

La zona cambio che si trova in bagno è assolutamente funzionale per una pulizia completa e devo dire che utilizzo questa zona almeno l’80% delle volte. In questo caso, trovandoci già nel bagno, preferisco evitare l’utilizzo delle salviettine e usare i quadrotti imbevuti semplicemente di acqua tiepida.

SHOPPING GUIDE

Anche per la zona cambio in bagno ho predisposto pochi elementi ma molto utili, cercando di mantenere davvero minimal il tutto, visto che siamo in una zona bagno utilizzata anche da noi genitori.

  1. Il fasciatoio pieghevole che vedete nell’immagine è collocato esattamente sopra il bidet, in questo modo ho potuto giocare con gli spazi cercando di limitare al massimo l’ingombro. Il fasciatoio tra l’altro dispone anche di una vaschetta per il bagnetto, lo trovate QUI.
  2. Nella parte laterale del fasciatoio ho organizzato così i 3 spazi: teli cambio Fissan che adoro e che utilizzo come base per cambiare la bimba, di solito tengo 2 o 3 teli pronti già nello spazio in alto, li trovate QUI; il secondo spazio (quello centrale), lo riservo ai pannolini, ne riesco a inserire circa 4-5 e quando stanno per terminare, aggiungo sempre qualche pannolino, in modo da non perdere troppo tempo in caso di emergenza, io uso i pannolini della Lillydoo con i quali mi trovo molto bene; nell’ultimo spazio, ho inserito 3 elementi che uso con meno frequenza, ovvero le forbicine per tagliare le mini unghie (io uso quella della Chicco, che trovate QUI), delle forbici più classiche che uso per aprire le nuove confezioni se necessario e infine la pasta cambio Mustela, che trovate QUI e che utilizzo solo in caso di arrossamenti.
  3. Nella parte inferiore del fasciatoio invece tengo lo stock di Pannolini, Teli Cambio e i quadrotti di cotone. I quadrotti di cotone sostituiscono le salviettine già umidificate. Preferisco usare i quadrotti di cotone con dell’acqua tiepida, io uso quelli della BabyKind che riesco a trovare solo su Amazon, li trovate QUI.
  4. Ultimo pezzo ma non meno importante, anzi un salvavita per evitare cattivi odori in bagno, è il mangiapannolini. Io ho scelto il mangiapannolini della Tommee Tippee, l’ho acquistato già con 6 ricariche e poi ho attivato l’acquisto periodico su Amazon, trovate il Tommee Tippee con le 6 ricariche QUI.

Spero che questo post vi sia stato utile, fatemi sapere se voi aggiungete qualcosa e come pensavate di organizzare le vostre zone cambio!

0 commenti
Condivi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione e il sito stesso. Premendo il tasto “Accetta” o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web, accetterai l’utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi